Incontri in Libreria

Mostra eventi in programma
Mostra archivio eventi


24 giugno 2017

Lodovico Viadana Musicus Primarius


Sabato 24 giugno alle ore 18.00 presso la Libreria Musicale Ut Orpheus (Via Marsala 31/e - Bologna) sarà presentato il volume Lodovico Viadana «musicus primarius»

Lodovico Viadana è una figura nota nella storia della musica, oggetto di ricerche e edizioni che fanno riferimento soprattutto alla “gratiosa invenzione” a lui attribuita del basso continuo e dello stile concertato del primo Seicento. In realtà non particolarmente frequentato nei programmi concertistici e discografici, Viadana sta avendo soprattutto per merito della sua città natale una sempre maggiore considerazione della quale il volume Lodovico Viadana «musicus primarius», rappresenta la più recente manifestazione. Il curatore della pubblicazione, Luigi Meneghini, e Romano Vettori –  uno dei contributori del volume, archivista dell’Accademia Filarmonica di Bologna e fra i maggiori valorizzatori del Viadana con concerti e incisioni discografiche – traendo spunto dai saggi presentati, con esempi audio-video e l’anteprima di nuove iniziative discografiche e di ricerca, faranno il punto sulla valorizzazione della figura del musicista. Viadana infatti può ben rappresentare il punto di riferimento per una migliore conoscenza e diffusione della musica barocca padana, un capitolo fondamentale nello sviluppo della storia musicale italiana ed europea.

Ingresso libero

***

Luigi Meneghini è fondatore e direttore responsabile ed editoriale della rivista Coevit civitas litterarum nella quale ha ospitato scritti e saggi inediti di: Pier Paolo Pasolini, Mario Luzi, Alda Merini, Giovanni Raboni, Manlio Sgalambro, Arturo Schwarz, Nanni Balestrini, Matthias Barmann, David Bryant, Helmut Friedel, Predrag Matvejevic, Nico Orengo, Emilio Tadini, Emilio Villa, ecc.  E’ direttore responsabile del Bollettino della Società Storica Viadanese per il quale ha redatto alcuni articoli. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni e ha curato cataloghi e mostre d’arte in Italia e all’estero tra i quali “Il Faro d’Islanda” di Claudio Parmiggiani. Al Pac di Milano in collaborazione con Vincenzo Balena (scultore) e Maurizio Cucchi (poeta) ha presentato un lavoro su Giovanna D’Arco. Ha collaborato in veste di musicista con varie orchestre e gruppi da camera tra i quali : “Arc en ciel” Bass ensemble, Bruno Maderna, Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra giovanile dell’Emilia Romagna, ecc. Co-fondatore del Festival Lodoviciano, della Scuola Comunale di Musica, del Premio Viadana per il libro dell’anno. Ha collaborato con le case musicali Fonè e Stradivarius con le quali ha curato diverse incisioni mi musiche di Lodovico Viadana e Giacomo Moro. Ha collaborato con importanti istituzioni museali italiane ed estere tra le quali: Uffizi, Brera, Louvre, British Museum, Accademia Carrara, Rijksmuseum, Palazzo d’Arco, ecc.

Romano Vettori ha compiuto studi classici iniziando nel contempo lo studio del pianoforte e della Composizione. Laureato in Discipline della Musica e Dottore di Ricerca in Musicologia e Beni Musicali presso l'Università di Bologna, ha pubblicato saggi su riviste e in collane musicologiche a diffusione internazionale ed ha effettuato numerose trascrizioni di musica sacra e profana dei secc. XVI-XVII e XVIII. Svolge ricerche sulla storia musicale tra Rinascimento e Barocco, in particolare sull’ambiente trentino e dell'Italia settentrionale. All’attività di ricerca affianca una ricca attività organizzativa e concertistica come fondatore e direttore artistico dell'Accademia di Musica Antica (progetto Euregiomusica - Mitteleuropäisches Barockorchester und Chor, Premio Bonporti, Premio Ferrari), tenendo concerti in Italia e all'estero. Ha effettuato incisioni discografiche in gran parte di opere inedite (Viadana, Cavalli, De Kerle) per Fonè, Stradivarius, Bongiovanni. E’ Archivista dell’Accademia Filarmonica di Bologna e docente di Direzione di Coro e Repertorio Corale presso il Conservatorio di Musica “G. Tartini ” di Trieste. 

 

 

 

Condividi: Facebook Twitter