Libri e Riviste » Biografie - Epistolari » 55125

Iudica, Giovanni
Il principe dei musici. Carlo Gesualdo da Venosa


Prezzo: € 18.00


  Disponibile



Condividi: Facebook Twitter



Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Editore: Sellerio

Descrizione

Questo libro pubblicato per la prima volta nel 1993 e oggi giunto alla terza edizione ha proceduto, in questi anni, di pari passo con la scoperta e il riconoscimento tra un numero più vasto di conoscitori, oltre la ristretta cerchia degli specialisti, del personaggio di cui narra la vita tragica e avventurosa. Assieme all’affermarsi della memoria del principe dei musici, questa biografia si è imposta come una delle fonti principali della sua conoscenza. Carlo Gesualdo, principe di Venosa, nipote di San Carlo Borromeo potente signore campano vissuto tra la metà del Cinquecento e i primi decenni del Seicento, fu uno dei maggiori polifonisti, compositori di madrigali e musica sacra di tutti i tempi. Si macchiò dell’omicidio della moglie, assassinata per motivi d’onore. L’autore si imbatté in lui per caso, prima affascinato dalla sua musica, poi «intrappolato in una storia meravigliosa», di una specie di titanico genio romantico ante litteram. Né musicologo né storico, i motivi di questa fascinazione sono gli stessi che hanno preso in questi anni i lettori: «Gesualdo non è solo un sommo musicista, ma è prima di tutto un visionario, un soggetto cioè animato da un demone che gli consente di vedere al di là del proprio tempo ed intuire un universo che sarà appieno capito solo un domani e la cui attuazione sarà affidata alle cure delle generazioni future. La sua vita – al di là degli esiti della sua musica, al di là del delitto cantato dai poeti, al di là dei momenti di alta politica che attraversarono la sua esistenza – contiene un messaggio universale e attuale: ribellandosi alle convenzioni, decise di sottoporre le proprie giornate alla disciplina ferrea del comporre e all’umiltà della ricerca musicale. In questo modo riuscì a resistere alle tenebre della solitudine e della disperazione e a dare una ragione alla sua vita».