Chitarra » Ensemble di Chitarre » ch234

Signorile, Giorgio
Shirok. 3 Pezzi per Chitarra solista e Quartetto di Chitarre (2016)


Prezzo: € 23.95

  Disponibile



Condividi: Facebook Twitter



Condividi: Facebook Twitter

Dettagli prodotto

Contiene: Mattina presto/ Shirok/ Sweet Argentina

Autore: Giorgio Signorile (*1962)
Anno ed.: 2016
Collana: Chitarra
Edizione: Partitura e Parti
Pagine: pp. 20 + parti pp. 40
Formato: 230x310 mm
Rilegatura: Punto metallico
ISMN: 979-0-2153-2406-0
Codice: CH 234
Editore: Ut Orpheus

Descrizione

Il repertorio della chitarra è ormai ampio e comprende lavori che vanno a coprire, in tutti i periodi storici, ogni aspetto tecnico-interpretativo, dallo strumento solo all’orchestra di chitarre, passando per il duo, il quartetto e gli assiemi vari.
Ciò che a mio parere poteva essere importante era un lavoro che comprendesse il “confronto” fra gli strumenti, un dialogo dove la musica scorresse fra gli strumenti in modo concertante, con momenti di impegno e altri di ascolto, quasi a sottolineare un ulteriore valore di amicizia e collaborazione tra i componenti del gruppo… così è nata questa serie di brani, di media difficoltà, nei quali i componenti dell’organico hanno non soltanto da suonare la loro parte ma anche l’obbligo di prestare attenzione al tema della chitarra solista che contrappunta il loro lavoro.
I tre brani proposti hanno differenti ispirazioni: Mattina presto è il risveglio del giorno, sereno, come in una mattina di primavera, è il brano più semplice ed immediato con la sua melodia chiara che circola fra le voci del gruppo; Shirok (scirocco in lingua albanese) contiene un tema melodico ispirato alla musica balcanica, a significare una volontà di entrare nella musica degli altri popoli per meglio comprendere la loro cultura, come in Sweet Argentina, che inizia con un ritmo “tanguero”, passando poi per una melodia lenta e poetica e tornando alla fine ad una ritmica popolare serrata e danzante.
Tre brani quindi dove il “gioco” fra le parti spero possa aiutare a crescere musicalmente ma anche incuriosire culturalmente chi vorrà suonarli, musica che nasce dal sentimento di amore per lo strumento e per il mondo che mi circonda.
(G. Signorile)