Incontri in Libreria

Mostra eventi in programma
Mostra archivio eventi
Mostra eventi in programma
Mostra archivio eventi

19 ottobre 2019

Dal Pop Rock alla musica celtica


Sabato 19 ottobre 2019 alle ore 18,00 presso la Libreria Musicale Ut Orpheus (Via Marsala 31/e - Bologna) Marcello Bono presenta il libro di Cochi Quarta Dal Pop Rock alla musica celtica: Immagini, storie, piccoli aneddoti dei miei 50 anni di musica, e ne parla con l'autore.

Dagli anni sessanta, dal primo gruppo pop, attraverso mode, stili, culture e band sempre nuove. Un viaggio oltre le note alla ricerca di un modo diverso di fare musica, di viverla come espressione comune, come patrimonio di tutti. È l’incontro con l’Irlanda, le sue tradizioni, la sua realtà politica e sociale a spostare totalmente il punto di vista. E allora diventa possibile che una miriade di ragazzini suonino la loro musica popolare e mezza Europa sia lì per ascoltarli. È possibile vedere un professionista che rispetta i giovani musicisti. È possibile che un vecchio percussionista ti regali il suo strumento. È possibile raccontare la storia di un popolo attraverso le sue ballate. Questo e altro, nel racconto dei miei 50 anni di musica insieme ai tanti compagni di viaggio che hanno condiviso conoscenze, passioni, nuove avventure e, non ultimo, il piacere, mai passato di moda, di suonare insieme.

Nel corso dell'incontro Cochi Quarta (flauto) e Marcello Bono (ghironda) eseguiranno qualche brano dal repertorio oggetto del libro.

Ingresso libero

***

Costantino, meglio conosciuto nel mondo musicale come Cochi Quarta. Romano, classe ’53, studia chitarra classica, e la insegnerà per molti anni presso il CIAC, scuola di musica che ha fatto parte di quell’importantissimo fenomeno che sonostate le scuole popolari di musica a Roma negli anni Settanta. Da quegli anni si è interessato sempre di più al mondo della musica folk inglese prima e irlandese poi; portando fra i primi, con la creazione del gruppo Roisin Dubh, questa splendida musica in tutta Italia. Da allora ha allargato sempre di più la sua conoscenza delle tecniche, passando anche al flauto traverso irlandese e alle percussioni, ma anche della storia e della realtà politica di quella travagliata terra, facendosi così portavoce di un mondo non solo fatto di note, ma anche di passione civile e di un patrimonio culturale sorprendentemente vasto. Ha al suo attivo con i Roisin Dubh un LP del ’78 e un CD (2006) “First journey” con il gruppo dei Green Rose.

Marcello Bono si occupa di ghironde da oltre 35 anni, non limitando le sue esperienze al mondo della musica popolare ma inoltrandosi nella ricerca e nello studio del repertorio del XVIII secolo e della relativa prassi esecutiva. Allo scopo ha studiato i metodi originali del periodo e ha costruito copie di ghironde del XVIII secolo tratte da rilievi eseguiti su strumenti storici del patrimonio museale nazionale. Come esecutore si è esibito in concerto in Italia ed all'estero con repertori che spaziano dalla musica medievale alla musica contemporanea. Come didatta ha insegnato ghironda barocca ai corsi di musica antica di Urbino, e all'OTW Festival di Seattle. Nel 1989 ha scritto quella che ancora oggi è l'unica monografia in italiano sulla ghironda per i tipi dell’editore Forni. Ha tenuto numerose conferenze e lezioni concerto, le ultime delle quali a Palazzo Venezia a Roma, dove un suo strumento è stato esposto alla mostra di strumenti antichi Leutaro in Roma; presso il Museo Internazionale e Biblioteca della Musica di Bologna, dove ha ideato e condotto il ciclo di conferenze Storie di strumenti musicali bizzarri e di repertori a loro estranei; alla Schola Cantorum Basiliensis, dove la sua conferenza sulla tecnica costruttiva delle ghironde barocche ha aperto il primo simposio internazionale interamente dedicato allo strumento.

Condividi: Facebook Twitter