AA.VV.

«Cedere il passo al sogno». L’esperienza musicale di Emilia Fadini

  • Publisher: Lim
  • Code: 9788855430500
  •   In Stock
  • € 32.00




Incipit Uno scherzo ingegnoso per Emilia, Marco Moiraghi
I Profilo biografico di Emilia Fadini, Gian Luca Rovelli
II Emilia Fadini e Domenico Scarlatti: il lungo percorso dell’Edizione Critica, Marco Moiraghi
III Culture Wars or Cultural Diplomacy? The politics of Scarlatti’s Essercizi, Barry Ife
IV Bailando Domenico Scarlatti en Barcelona en el período de preguerra civil, Luisa Morales
V La nascita della musica strumentale, Paolo Cherici
VI Appunti sull’arte interpretativa di Emilia Fadini al clavicembalo e al fortepiano, Marco Moiraghi
VII Emilia Fadini, una testimonianza, Giorgio Pestelli
VIII «Volevo fare la ballerina…», Antonella Fait
IX Correva l’anno scolastico 1973–74, Pinuccia Carrer
X Un’esperienza fantastica, Massimo Gentili-Tedeschi
XI Memorie musicologiche di una ‘Fadiniana di recupero’, Marina Vaccarini
XII ‘Musica e rivoluzione’ al Conservatorio di Milano negli anni Settanta: la mia ‘Maestra’, Danilo Costantini
XIII Ricordo di Emilia Fadini contestatrice, Guido Salvetti
XIV Il coraggio di guardare oltre. Emilia Fadini e l’esperienza dei corsi serali
di musica per adulti presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, Susanna Termini
XV Una didatta socratica, Maria Cecilia Farina
XVI L’Emiliade parte seconda. Ode barbarica in undici ottave ariostesche. In Camposasco, addì 11 di ottobre MMXX, Barbara Petrucci
XVII Emilia Fadini e il Duo Pastorino-Pang: consonanza perfetta, Franca Bacchelli
XVIII L’arte della gioia, Enrico Baiano
XIX Le emozioni della ragione. Breve storia di una metamorfosi, Ottavio Dantone
XX Empfindungsrede. Appunti su un’esperienza di lavoro di gruppo al Conservatorio di Milano, Luca Moser
XXI Emilia, Corrado Rovaris
XXII De magistra, o la trasparenza della retorica. Omaggio affettuoso all’arte di insegnare di Emilia Fadini, Ernesto Bussola e Maria Grazia Liguori
XXIII «La teoria viene dalla pratica», o tutte le volte che Emilia mi disse «Chi se ne frega!», Deda Cristina Colonna
XXIV Emilia Fadini – Ovvero: come ha imparato a non preoccuparsi e ad amare la fisarmonica, Giorgio Dellarole
XXV «Agere et pronuntiare», Maria Antonietta Cancellaro
XXVI Il mio viaggio con Emilia, Mariagrazia Lioy
XXVII A Pilgrimage to Parzanica, Dušan Toroman
XXVIII Ricordo di una telefonata, Olivier Fadini
XXIX Ringraziamenti come fiori, Adriana Albertini, Umberto Benedetti Michelangeli, Gianluca Petagna
XXX Minouche, Nicola Reniero Explicit Ludus Emiolus. Variazioni affettuose sull’essenza d’Emilia, Lorenzo Stoppa Tonolli

A cura di Marco Moiraghi

Festina lente —  «affrèttati lentamente». Ovvero: cerca di unire la ferma risolutezza ad una calma profonda. Questo, in breve, sembra essere stato il «sogno» di Emilia Fadini — l’idea, insomma, di un’operosa quiete. Il presente volume, concepito come polifonia o ‘concerto’, ossia armonizzando molte diverse voci, cerca di esaminare e approfondire da svariate angolature il singolare caso di un’esistenza attivissima eppure radicalmente contemplativa. Per la prima volta si offre al lettore un quadro esauriente della figura di una concertista, didatta e saggista che ha lasciato una forte impronta nel campo dello studio della musica antica, grazie anche alla sua inesausta capacità di oltrepassare le apparenze e affinare sempre più lo spirito critico. Dopo un ampio profilo biografico, il libro presenta una serie di saggi musicologici su temi cari a Emilia Fadini (soprattutto sull’autore da lei più studiato, Domenico Scarlatti) e offre poi un gruppo di contributi molto varî, atti a far luce sulla versatilità fadiniana: testimonianze di colleghi o ex allievi si intrecciano liberamente a trattazioni sul metodo di lavoro, di studio e di insegnamento di Emilia Fadini, senza trascurare aspetti più semplici, privati ed anche curiosi di una biografia che non ha mai voluto separare rigidamente l’ambito professionale dall’ambito domestico. Ne risulta un quadro vivace, variegato, specchio della molteplicità di interessi della dedicataria, non senza un tocco — discreto ma decisivo — di poesia.

Author: AA.VV.

Code: 9788855430500

Codice int.: 317254

Scarlatti, Domenico : Sonate per Clavicembalo vol. X. Edizione critica

Scarlatti, Domenico Sonate per Clavicembalo vol. X. Edizione critica

Ricordi

€ 39.80